Archivi Categorie: Technolgy

Il pemfigoide bolloso è una malattia della vescica autoimmune caratterizzata dalla presenza di autoanticorpi circolanti che riconoscono le proteine ​​specifiche dell'epidermide e la giunzione dermoepidermica. La diagnosi si basa su criteri clinici e indagini di laboratorio, in particolare istologia, immunofluorescenza diretta e indiretta ed ELISA. Questo studio descrive un nuovo test di immunofluorescenza per la determinazione parallela di anti-BP180 e anti-BP230 a base di substrati antigenici ricombinanti. Lo scopo dello studio era di rilevare gli autoanticorpi BP180 e BP230 mediante la tecnologia BIOCHIP utilizzando sia una proteina ricombinante appositamente progettata BP180-NC16A che cellule che esprimono il frammento dell'antigene BP230-gc. I pazienti 18 con pemfigoide bolloso sono stati inclusi nello studio. Autoanticorpi verso BP180 sono stati rilevati con la tecnica BIOCHIP in 83.33% di pazienti con pemfigoide bolloso clinico, sierologico e immunoistologico confermato mentre gli autoanticorpi contro BP230-gC sono stati rilevati solo nel 39% dei pazienti. L'individuazione di anti-BP180-NC16A e anti-BP230-gC mediante un nuovo immunodosaggio basato su biochip è un'alternativa adatta all'immunofluorescenza indiretta e all'ELISA. Questo metodo ha il vantaggio di discriminare facilmente le diverse specificità degli autoanticorpi. Il metodo BIOCHIP è più veloce, più economico e facile da usare rispetto all'approccio ELISA. Per questo motivo, il nuovo metodo potrebbe essere utilizzato come test di screening iniziale per identificare i pazienti con pemfigoide bolloso, e i risultati dubbi potrebbero quindi essere confermati dall'ELISA.

Articolo completo (gratuito) trovato qui: http://www.hindawi.com/isrn/dermatology/2012/237802/