Archivi Categorie: Ricerca basata sul registro

È stato riportato che il rituximab è efficace in varie serie di piccoli casi di pazienti con pemfigo grave e / o refrattario. Tuttavia, non è disponibile alcuna valutazione sistematica per corroborare questa osservazione. Lo scopo di questo studio era di determinare sistematicamente l'efficacia e la sicurezza del rituximab nel pemfigo resistente al trattamento.

Pazienti e Metodi: Studio retrospettivo multicentrico, studio osservazionale di pazienti 36 con severo pemfigo volgare (n = 33) e pemfigo foliaceo (n = 3) trattati con rituximab prima di agosto 31st, 2008 e iscritti a un registro nazionale osservazionale tra dicembre 2008 e giugno 2009.

risultati: In un periodo medio di osservazione di 11 (1-37) mesi, i pazienti trattati con 21 (58%) pemfigo hanno mostrato parziale, 13 (36%) parziale e 2 (6%) nessuna risposta al trattamento con rituximab. Questo si correla con un miglioramento medio della scala analogica visiva per il benessere di 34 (20-60) al basale a 75 (40-95) all'ultima visita di controllo. Nei pazienti 4 (11%) sono stati registrati eventi avversi gravi inclusa l'infezione grave 1 (3%).

Conclusioni: I dati raccolti in questo registro sistematico indicano che il rituximab è un'opzione di trattamento adiuvante efficace e relativamente sicura per il pemfigo refrattario. Per estendere ulteriormente le nostre conoscenze sull'efficacia e la sicurezza di questo farmaco, sono necessari studi prospettici controllati.

Clicca qui per l'articolo completo

da MedWorm Query: Pemphigoid